POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 13 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |

14 Giugno 2019

(TAR Piemonte, sez. II, sentenza n. 667/19; depositata il 5 giugno)

TAR Piemonte, sez. II, sentenza 29 maggio - 5 giugno 2019, n. 667

Presidente Ravasio – Estensore Cattaneo

Fatto e diritto

La sig.ra Maristella Zuccalà ha impugnato il provvedimento prot. n. 8859/5/2/RG, del 18.11.2013 con cui il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti - Ufficio della motorizzazione civile di Vercelli - ha disposto la revisione della sua patente di guida, mediante nuovo esame di idoneità tecnica, ai sensi dell’art. 128, d.lgs. n. 285/1992 e la relativa comunicazione di avvio del procedimento, articolando le seguenti doglianze: violazione dell’art. 28, d.lgs. n. 285/1992 e dell’art. 3, l. n. 241/1990; violazione dei principi di trasparenza e buon andamento dell’azione amministrativa anche con riferimento all’art. 95 Cost.; eccesso di potere per difetto di istruttoria, difetto ed insufficiente motivazione, per illogicità manifesta e travisamento dei fatti.
Si è costituito in giudizio il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, chiedendo il rigetto nel merito del ricorso.
All’udienza del 29 maggio 2019 il ricorso è stato trattenuto in decisione.
Ad avviso della ricorrente il provvedimento impugnato sarebbe viziato per difetto di motivazione e istruttoria e per violazione dell’art. 128, d.lgs. n. 285/1992, non indicando quali siano le ragioni, ulteriori rispetto al mero richiamo alla violazione del codice della strada commessa (art. 143, c. 11, d.lgs. n. 285/1992), che abbiano fatto sorgere dubbi sulla persistenza dei requisiti di idoneità tecnica.
Inoltre, sussisterebbe una discrepanza tra quanto accertato nel verbale di constatazione della legione Carabinieri del Piemonte e della Valle D’Aosta del 29.9.2013 ed il provvedimento impugnato: nel primo è dato atto che la sig.ra Zuccalà “circolava contromano … invadendo … la corsia opposta, che era destinata all’opposto senso di marcia …” e nel secondo invece che la sinora “circolava contromano e andava a collidere contro veicolo antagonista …”: la sig.ra Zuccalà percorreva, contromano, una strada a doppio senso di circolazione e non una strada a senso unico, come si desumerebbe dal provvedimento impugnato.
Le censure sono infondate per le ragioni già affermate in sede cautelare.
Se, in linea di principio, una sola infrazione alle norme del codice della strada non può costituire, di per sé e indipendentemente da ogni valutazione circa l'idoneità e la capacità di guida del conducente, il presupposto del provvedimento inteso a prescrivere la revisione della patente, essendo necessario, pertanto, un apparato motivazionale, non può in concreto escludersi che la natura e le circostanze dell'infrazione siano di per sé inequivocabilmente idonee ad attestare la sussistenza dei presupposti indicati dall'art. 128 del codice (Consiglio di Stato sez. VI 1 settembre 2009 n. 5116; sez. IV 3/10/2018 n. 5682).
Ciò accade nel caso di specie: la ricorrente, guidando ad alta velocità, ha invaso l’opposta corsia di marcia, andando a collidere con un autocarro, riportando lesioni e causando ingenti danni ai due veicoli coinvolti.
Questa violazione, per la sua indubbia gravità, giustifica, di per sé sola, l’insorgere di dubbi sulla persistenza dell'idoneità tecnica della ricorrente e integra una sufficiente motivazione della decisione dell'amministrazione di sottoporla ad esame di idoneità (cfr. T.A.R. Lazio, Latina, sez. I, 08/04/2019, n. 257).
Né, infine, sussiste la contraddittorietà lamentata: non vi sono discrepanze, quanto alla descrizione della violazione commessa, tra quanto accertato dai carabinieri e quanto riportato nel provvedimento impugnato, in cui non si afferma affatto che la circolazione contromano avveniva in una strada a senso unico.
Per le ragioni esposte il ricorso è infondato e deve essere respinto.
Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo respinge.
Condanna la ricorrente al pagamento delle spese di giudizio, a favore della parte resistente, che liquida in euro 3.000,00 (tremila/00), oltre oneri di legge.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

 



Rassegne

12/12/2019

RASSEGNA DELLA SEZIONE LAVORO DELLA CASSAZIONE

Francesca Evangelista

11/12/2019

RASSEGNA DELLE SEZIONI UNITE CIVILI DELLA CASSAZIONE

Francesco Antonio Genovese